Cerca

CAMMINAR DOMANDANDO

pagine di autonomia

Scienza e neuroscienze

Nora Merlin – Colonizzazione della soggettività: le neuroscienze

L’articolo che inseriamo nel blog ci sembra interessante per la sua denuncia dell’uso politico delle neuroscienze. Non crediamo, come l’autrice fa, nell’assoluta inutilità scientifica di questa disciplina, ma concordiamo sul fatto che oggi le neuroscienze sono diventate uno strumento di costruzione di soggettività succubi al progetto sociale neoliberista, come ampiamente documentato nel testo di Pablo Dávalos inserito in questo blog e a suo tempo stampato nel secondo opuscolo della serie “Voci da Abya Yala”: Le nuove vie del potere: verso il controllo totale della mente?

Leggi online oppure scarica in pdf: Merlin_Colonizzazione_soggettivita

Un’altra voce critica su argomenti di carattere scientifico è quella di Silvia Ribeiro, di cui abbiamo recentemente pubblicato: Transgenici 2.0: è ora di smetterla.

Annunci

Gustavo Esteva: Indigenizzarsi

Il Congresso Nazionale Indigeno (CNI) e gli zapatisti hanno lanciato un appello molto ampio che viene rivolto all’intera società e che esige risposte chiare e impegnate, scrive Gustavo Esteva su La Jornada.

Se infatti gli individui sradicati costruiti dal capitalismo e dallo Stato nazione abbandonano questa condizione di oppressione e mettono radici in un luogo fisico e culturale, se si indigenizzano, starebbero contribuendo alla ricostruzione della società.

continua a leggere qui

Raul Zibechi: Autocritiche femministe e movimenti antisistema


Questo 8 marzo ci ha riservato grandissime mobilitazioni, che sono la duplice conseguenza della violenza sistemica contro le donne e della persistenza dei movimenti femministi che non si tirano indietro quando è il momento di andare contro corrente….
Uno dei fatti più notevoli è stato la diffusione di un documento intitolato Alcune riflessioni sulle metodologie femministe, formulato da un insieme di persone e organizzazioni che si richiamano al femminismo decoloniale”.
Raul Zibechi commenta il documento a proposito della chiamata allo sciopero globale per l’8 marzo e al suo significato per le moltissime donne del sud del mondo cui la lotta quotidiana per la sopravvivenza non consentiva partecipare. Un severo punto di vista dal basso, che, come ricorda Zibechi, ci provoca quell’imprescindibile disagio ma arricchisce il nostro orizzonte.

Continua a leggere qui Zibechi e qui il documento femminista decoloniale

Emir Olivares Alonso: Il terribile impatto di pesticidi e transgenici nell’America del Sud

futuro

Le coltivazioni di soia geneticamente modificata si sono estese in gran parte dell’America del Sud, e con esse l’uso di pesticidi contenenti glifosato, che hanno avuto un terribile impatto sulla salute delle persone che vivono nelle vicinanze dei campi dove si semina questa soia.

Medardo Avila, ricercatore della Facoltà di Medicina dell’Università Nazionale di Cordova, in Argentina, ha presentato diversi studi scientifici che dimostrano che queste coltivazioni e gli agrotossici hanno lasciato dietro di sé casi di cancro, malformazioni congenite, morti, problemi respiratori e aborti spontanei.

continua a leggere qui

MESSICO: CAMMINI DI LOTTA E DI SPERANZA

camminodi Gustavo Esteva

L’anno inizia con una luce di speranza. E’ venuta da San Cristóbal de Las Casas in uno dei momenti più oscuri e strazianti della storia del paese, sotto una tormenta di violenza, spoliazione, impunità e morte. Avremo presto un Consiglio indigeno di Governo, che si esprimerà con la voce di una donna indigena che sarà candidata alle elezioni del 2018.

Continua a leggere sul blog commini di lotta e di speranza

traduzione a cura di camminar domandando”

E’ consentita la riproduzione e la diffusione dell’opera integralmente o in parte, purchè non a scopi commerciali, citando l’autore e la traduzione a condizione che venga mantenuta la stessa licenza creative commons

Andrés Carrasco: La scienza e gli OGM.

gmo

Andrés Carrasco (1946-2014), noto biologo molecolare argentino e presidente onorario della Unión de Científicos Comprometidos con la Sociedad y la Naturaleza en América Latina, denuncia la mistificazione della propaganda che sostiene le tecnologie di modificazione genetica.

Carrasco mette in luce due aspetti fondamentali:

– dal punto di vista scientifico, i presupposti errati e anacronistici su cui queste tecnologie si fondano;

– dal punto di vista socio-politico e culturale, la distruzione sistematica del patrimonio culturale dei popoli indigeni e contadini a cui danno luogo: un vero e proprio sterminio di saperi, culture e popolazioni a sostegno del modello ‘estrattivista’, che è la forma assunta dal colonialismo nel mondo attuale.

Aggiungiamo, sullo stesso tema delle biotecnologie, un contributo recente di Silvia Ribeiro su La Jornada.

Continua a leggere sul sito

 

I progetti dei «padroni senza popoli» e le proposte dei «popoli senza padrone»

pace-colombia

Tre temi in generale:

Uno, il contesto particolare di ciò che sta succedendo in Colombia, e le condizioni in cui si firma l’accordo.

Due, l’analisi di qual è la pace di cui si sta parlando e del perché noi riteniamo che si tratti soltanto della firma di un accordo bilaterale di cessate il fuoco fra le FARC (Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia) e il governo.

Tre, le possibilità e le sfide per i popoli nel contesto attuale e nel quadro di questa firma.

Dopo questa introduzione, Vilma Almendra, una donna indigena nasa del Nord del Cauca, fa una pausa, guarda i presenti negli occhi , prende fiato e comincia un racconto lungo, rapido, emozionato, adirato, fiero, che le esce dal cuore e che per noi dura un’ora, ma per i popoli del Nord del Cauca ha centinaia di anni.

Continua a leggere su camminardomandando

Somos viento, la resistenza di una comunità

viento

La resistenza della popolazione contadina al Parco Eolico di San Dioniso del Mar nell’Istmo di Tehuantepec è stata ed è accanita. Non tutto quello che sembra verde è in realtà verde, come ci racconta questo video.

R. Zibechi: La nuova corsa all’oro.

copertina-corsa-oro

L’estrattivismo, che ha avuto in America Latina le sue espressioni più esasperate, è stato messo sotto accusa dapprima come fattore di distruzione della natura e poi come modello economico di rapina e di esclusione sociale. Dopo aver sviluppato queste due tesi, che indubbiamente evidenziano aspetti reali, Zibechi ha spinto la sua analisi ancora più in profondità, individuando nell’estrattivismo una cultura che ha messo al centro la rapina da un lato, il consumismo e l’ostentazione dall’altro, disgregando in tal modo il tessuto della società. Questo nuovo modello di ‘società estrattivista’ è ciò che egli illustra nel presente lavoro.

Continua a leggere su camminardomandando oppure, per la copia cartacea, scrivere a Aldo Zanchetta aldozanchettachiocciolagmail.com

Blog su WordPress.com.

Su ↑