Cerca

CAMMINAR DOMANDANDO

pagine di autonomia

Categoria

Pensiero critico latinoamericano

Bolivia: il caso strano

Un caso veramente strano quello boliviano: c’è stato il colpo di Stato o non c’è stato? Certo, al governo ci sono oggi golpisti di destra, della destra ‘bianca’ e razzista di Santa Cruz, potenziata a suo tempo da fuggiaschi nazisti e da ustascia croati. Costoro ci avevano già provato durante la fase di approvazione della nuova Costituzione che faceva del paese uno Stato Plurinazionale. Furono giorni duri e solo il Patto di Unità di Azione fra 5 forti movimenti popolari (Confederación de Trabajadores Rurales de Bolivia, CSUTCB; Confederación Nacional de Mujeres Originarias Indígenas Campesinas de Bolivia – Bartolina Sisa; Confederación Sindicalista de Comunidades Interculturales de Bolivia, CSCIB; Confederación de Pueblos Indígenas de Bolivia, CIDOB; Consejo Nacional de Ayllus y Markas del Qullasuyu, CONAMAQ) consentirono alla nuova Costituzione di arrivare in porto (2008). Ma lungo il successivo percorso nacquero seri intoppi e nel 2011 Conamaq e Cidob, osteggiati da una politica ambigua di Morales, ne uscirono. E anche il potente sindacato degli operai e dei minatori, già vicina a Morales, ne prese le distanze. La riforma agraria era progredita nell’ovest del paese ma si era arenata invece nell’est, la zona della ‘mezzaluna fertile’, regno dei latifondisti santacrucegni e brasiliani, questi ultimi sconfinati con le loro immense monoculture della soja transgenica con i suoi ingenti impieghi di pesticidi, in contraddizione con la retorica della pachamama, la madre terra, ben propagandata dal governo. E qui la schiavitù dei lavoratori indigeni nelle grandi fattorie era frequente. Ma la contraddizione più grande fra retorica indigenista e una pratica estrattivista fu rappresentata negli anni 2011 e 2012 dal progetto TIPNIS, una grande arteria che spaccava in due questo territorio dichiarato Parco Nazionale. La resistenza fu grande e riuscì a bloccare il progetto che il governo stava però riprendendo in mano negli ultimi tempi. Luci e ombre di questo governo emergono dai testi qui allegati, disomogenei fra loro nei giudizi e nella valutazione del colpo di Stato come si conviene a una situazione complessa e lontana dall’essere analizzata nella sua vera realtà.

Il grande pensatore latinoamericano Anibal Quijano

Un anno fa moriva novantenne il sociologo peruviano Aníbal Quijano, la cui opera è stata ricordata in questi giorni in un Encuentro a Lima. Poco conosciuto in Italia se non da pochi studiosi, Quijano è certamente uno dei massimi intellettuali latinoamericani ma possiamo senz’altro dire anche mondiali. Grande studioso del pensiero del suo famoso connazionale José Mariategui, dirigeva a Lima l’Anuario Mariateguiano ed era professore presso il dipartimento di sociologia della Binghmanton University degli Stati Uniti, dove insegnava anche il noto sociologo Immanuel Wallerstein, col quale collaborò nell’elaborazione della sua nota teoria sul “sistema-mondo”. Il fulcro degli studi di Aníbal Quijano è stato il lato oscuro della modernità, quello della colonialità del potere e del sapere.

Lo ricordiamo con le parole di alcuni intellettuali latinoamericani che in occasione della sua scomparsa ne onorarono il ricordo, ringraziando i figli Danilo e Piero che hanno autorizzato la pubblicazione di questa traduzione di un suo testo della quale ci assumiamo la responsabilità.

Il filosofo messicano Enrique Dussel ricorda che «il marxista Quijano seppe mostrare che la classificazione sociale nella modernità eurocentrica non fu la classe sociale, ma la razza. La razializzazione del marxismo che Quijano effettuò ispirandosi ai marxisti dei Caraibi*, applicata in America Latina a indigeni e meticci, ha conseguenze teoriche e pratiche molto originali, che aprono domande che le scienze sociali oggi si pongono in tutto il mondo (come la decolonizzazione epistemologica elaborata da Aníbal)».

In un dibattito a più voci con i sociologi argentini Maristella Svampa e Horacio Machado, il giornalista e ricercatore uruguaiano Raúl Zibechi ha affermato: «Aníbal ci pone una serie di questioni molto importanti sulla teoria rivoluzionaria, che dobbiamo inventare; non possiamo trasferire meccanicamente progetti rivoluzionari di taglio eurocentrico in altre realtà. Si deve ricordare che Aníbal ha formulato alcune idee molto importanti per comprendere i movimenti sociali e per potenziare l’azione sociale, idee sulla eterogeneità dei nostri popoli, della nostra storia rispetto all’eurocentrismo, e questo ci porta a pensare con la nostra testa, senza trasferire idee dal marxismo, l’anarchismo, la socialdemocrazia o il conservatorismo, pur tenendole in conto perché alcune sono interessanti, però costruendo il nuovo in base alle nostre realtà».

Maristella Svampa ha ricordato che «Quijano non era un intellettuale lontano dalle lotte sociali; egli accompagnò i settori subalterni e, partendo dalla categoria della decolonizzazione, che corre il rischio di essere svuotata della sua potenzialità critica, cercò di fare luce sulle dimensioni nella configurazione del potere, che da una prospettiva eurocentrica, ma anche dall’America Latina, si stavano invisibilizzando».

L’argentino Horacio Machado ha ricordato che «Il pensiero di Aníbal Quijano dovrebbe stimolarci a decolonizzare la nostra sensibilità vitale per poter recuperare la sapienza ancestrale dei popoli che stanno lottando per l’acqua, i loro territori e la vita».

Nel testo che proponiamo, tratto dalla antologia Cuestiones y horizontes (CLACSO, Buenos Aires, 2014), il suo impegno per la decolonizzazione del pensiero sia culturale che militante latinoamericano appare con chiarezza.

*Quali i martinicani Frantz Fanon e Aimé Césaire (nds)

Leggi STATO-NAZIONE, CITTADINANZA E DEMOCRAZIA: QUESTIONI APERTE

 

 

Capital Tempesta

Il capitalismo non arresta il suo vento di rapina e, sotto le melliflue spoglie di Amlo, Andres Manuel Lopez Obrador, nuovo presidente del Messico, si appresta a invadere e colonizzare l’ Istmo di Tehuantepec a prescindere da una consulta previa delle popolazioni coinvolte, che è stata previa solamente all’arrivo dei bulldozer. Ce lo racconta Gustavo Esteva dal Messico nel suo consueto editoriale sulla Jornada.

Il rispetto dei popoli originari risulta carente anche quando Amlo chiede al re di Spagna di domandare perdono per l’invasione di 500 anni fa, ma non menziona le scuse dovute dai bianchi, discendenti degli spagnoli, che tuttora siedono nella maggioranza dei luoghi del potere messicano. Una vera decolonizzazione deve ancora iniziare. Tanto conclude Enrique Dussel nell’interessante ricostruzione storica (in spagnolo) della Conquista del Messico da parte degli spagnoli, che ha causato la morte di 9 milioni di indigeni su 11 in meno di cento anni.

Ma il vento non si arresta e, quando deve, spinto da mutate condizioni economiche, cambia. Alejandro Nadal, economista messicano, con rara chiarezza e sintesi, ci indica due ragioni di fondo che porteranno alla prossima mutazione del capitalismo (in spagnolo).

Gli indigeni, dal canto loro, stanno cominciando a organizzarsi da soli. In tutta l’America Latina di fronte alla violenza diffusa da parte degli Stati, delle multinazionali, delle milizie paramilitari e dei trafficanti, stanno nascendo “forme di autodifesa e di contro-potere. All’inizio sono forme di difesa, però, nel corso del loro sviluppo, arrivano a stabilire veri e propri poteri paralleli allo Stato”. Ce lo racconta il sociologo Raul Zibechi in Le popolazioni hanno bisogno di difendere la vita e il territorio con esempi da Colombia, Perù, Messico….

Di tutto questo, e altro ancora, parleremo al prossimo SEMINARIO RESIDENZIALE DI STUDIO con Raul Zibechi il 22-27 giugno 2019 in provincia di Firenze. C’è ancora qualche posto…

Buona Pasqua!

da Camminardomandando

 

C’è altro da non dimenticare

Nell’anniversario del massacro del 2 ottobre 1968 degli studenti messicani che va sotto il nome di “Matanza de  Tlatelolco” Gustavo Esteva ricorda quell’anno e quel decennio di rivoluzione i cui frutti il suo paese potrebbe finalmente raccogliere oggi...

C’è stato realmente uno spirito degli anni Sessanta, e accanto ad una corrente individualista ce n’è stata un’altra, solidale e comunitaria; è stato messo tutto in discussione: la famiglia, il lavoro, l’educazione, il successo, il senno, la pazzia, la cura dei bambini, l’amore, l’urbanesimo, la scienza, la tecnologia, il progresso, la ricchezza (José Ma. Sbert, 2009). Bisognava cambiare tutto (Germán Dehesa, 1997). The sky is the limit [Il limite è il cielo]. È decollato un nuovo movimento femminista, quando Betty Friedan ha fondato nel 1966 la National Organization for Women. C’è stato Martin Luther King. “Sembrava che in un lampo si potesse vedere tutto ciò che una società aveva di intollerabile, e nello stesso tempo le possibilità di un’altra realtà sociale… Per l’80% dell’umanità è stato come se il medioevo finisse all’improvviso…

continua a leggere

Patriarcato, liberazione, vita

 

Pubblichiamo due documenti che ci fanno ascoltare voci femminili significative provenienti dall’America Latina.

Il primo raccoglie l’esperienza del Primo incontro internazionale di Donne che lottano, convocato dalle zapatiste lo scorso mese di marzo, a cui hanno partecipato migliaia di donne da tutte le parti del mondo:

Unite, ribelli, sorelle: così è stato il Primo Incontro Internazionale di donne che lottano (di Lucia Aita) – leggi online – scarica in pdf: Unite-ribelli-sorelle

Il secondo è la riflessione di una donna indigena del Cauca colombiano sull’aggressione patriarcale che si esprime nella rapina della terra e nell’assassinio delle donne, sulle pratiche delle donne indigene e sugli interventi di un femminismo ‘istituzionale’ di matrice occidentale che cerca di cooptarle fagocitando la loro identità e la loro autonomia.

Fra la cattura patriarcale e la nostra liberazione con la Madre Vita (di Vilma Rocío Almendra Quiguanás) – leggi online – scarica in pdf: patriarcato-liberazione-vita

Entrambi i documenti richiamano l’attenzione sul tema del patriarcato, non per trascurare altre problematiche, anzi, per affrontarle in maniera più efficace analizzando la radice profonda che le sottende. Vi invitiamo alla lettura, raccogliendo la sfida di «rinvigorire il tessuto naturale che unisce donne e uomini a Uma Kiwe (la Madre Terra)».

L’irruzione degli invisibili

Stiamo vivendo una crisi di civiltà.
Abbiamo bisogno di un orizzonte diverso da quello del capitalismo e dell’individualismo.
Abbiamo bisogno di uscire dalla prigione dell’eurocentrismo che non offre alternative a questa crisi. Alternative che sono chiaramente tracciate nell’ultimo libro di Raúl Zibechi, che uscirà in italiano alla fine di aprile:

L’irruzione degli invisibili. Il ’68 e la nascita di nuovi mondi in America Latina.

Le soluzioni degli “invisibili”, “quelli che stanno in basso”, gli indigeni e i neri dell’America Latina, non sono realtà aliene e lontane, anzi, hanno molto da dire a noi oggi.

Presentazione del libro in una breve intervista all’autore.

Come ordinare il libro.

 

Ci auguriamo un anno rivoluzionario!

La sinistra sarà pure assente, ma l’urgenza di un cambiamento è presente e urgente. Con due articoli che parlano di rivoluzione, chiudiamo questo anno terribile con l’augurio che rivoluzione  sia, e che sia “innanzi tutto un atto d’amore per gli altri, di solidarietà e affetto concreto per il popolo e ancor più per i compagni in lotta”.

Massimo Modonesi: Tradurre Gramsci: politicizzare il pessimismo

Jaime Jiménez: L’eredità di Che Guevara

Ci ritroviamo l’anno venturo…

 

Raul Zibechi: Perchè vincono le destre

Il ciclo progressista è finito”, dichiara secco nel suo ultimo articolo “Perché in Sudamerica crescono le destre” Raúl Zibechi, attento osservatore della realtà politica e sociale latinoamericana. Non la pensano così altri intellettuali della “sinistra organica” quale ad es. Amir Sader. L’ottimismo della volontà? Sono tempi in cui in Latinoamerica (e altrove?) il realismo induce a una osservazione disincantata di ciò che accade, registrarlo e cercar di capire le ragioni del regresso da sinistra a destra, cercando di correggere il tiro e di non disperdere l’esperienza che si può, anzi si deve, accumulare anche nei momenti sfavorevoli.

Da tempo Zibechi avverte: siamo in una società estrattivista, e queste ne sono le conseguenze. Ero portato a credere che per quanto riguarda il regresso politico, il tipo di estrattivismo fosse quello più sofisticato di quello minerario e agricolo, cioè quello politico, sociale, giuridico, finanziario. Ma Zibechi in questo articolo porta un dato sconcertante, riferito all’Argentina: <<la mappa della soia coincide “quasi matematicamente” con i territori in cui vince Macri>>

Leggi tutto

A 100 anni dalla grande rivoluzione russa

In America latina il trotschismo e la polemica contro Stalin e la sua gestione della Rivoluzione d’Ottobre sono tuttora diffusi anche in ambiti non strettamente intellettuali come ad esempio in questo scritto del leader campesino peruviano Hugo Blanco Galdos, pubblicato sul numero  134 della rivista Lucha Indigena da lui diretta.

Leggi l’articolo di Hugo Blanco su camminardomandando

Sette università messicane si ritrovano senza fondi statali, sospesi “in segreto” fino all’approvazione del bilancio. Una mossa che privilegia l’università privatizzata, segnando l’esclusione di quanti sono considerati “vite inutili” .

Leggi il commento di Gustavo Esteva su camminardomandando

 

Blog su WordPress.com.

Su ↑